Egitto: scoperta la più antica mappa per l’Aldilà

Un antico sarcofago dipinto di recente scoperto nella necropoli di al-Asasif, nella Valle dei Re (Egitto). In un sarcofago egizio di 4000 anni fa sono stati trovati i più antichi frammenti del Libro delle due Strade, una “guida illustrata” per l’Aldilà.

Nell’Antico Egitto neanche il decesso concedeva il meritato riposo – o almeno, non subito: prima di raggiungere Rostau, il regno glorioso di Osiride, signore della morte, il defunto doveva intraprendere una sorta di simbolica corsa ad ostacoli nell’Aldilà, un viaggio verso una nuova vita a tutti gli effetti, talmente pericoloso da meritare un’apposita guida scritta.

Un frammento di questo testo – chiamato Libro delle due Strade, per via dei due percorsi (via terra o via acqua) che conducevano a Rostau – è stato ritrovato in un sarcofago di almeno 4000 anni fa. Secondo gli archeologi si tratterebbe della più antica copia nota di questo testo sacro, nonché, forse, del primo “libro illustrato” di cui si abbia conoscenza.

DI FACILE CONSULTAZIONE. La scoperta, di recente descritta sul Journal of Egyptian Archaeology, risale in realtà al 2012. Un team di archeologi delle Università di Liverpool (Regno Unito) e di Leuven, in Belgio, stava conducendo una serie di scavi nella necropoli di Dayr al-Barshā, un antico cimitero per le personalità di alto rango in uso nel Medio Regno (2055-1650 a.C.). In fondo a una tomba ignorata dalle precedenti generazioni di archeologi, perché chiaramente saccheggiata dai tombaroli, i ricercatori hanno trovato i resti di un sarcofago di legno decorato con una serie di geroglifici – una sorta di guida portatile al viaggio nell’Aldilà illustrata direttamente sulle assi interne della cassa, dove sarebbe stata facilmente accessibile al defunto.

UN COLPO DI FORTUNA. Le istruzioni sono risultate – a sorpresa – i resti di una copia del Libro delle due Strade, una versione incompleta e non in forma “di libro”, ma comunque la più antica finora descritta in una pubblicazione scientifica. La tomba risale all’epoca del faraone Mentuhotep II, che regnò fino al 2010 a.C.: la guida è dunque almeno 40 anni più vecchia di tutte le altre copie scoperte da un secolo a questa parte. Benché esistano altre rappresentazioni più arcaiche e più semplici dell’Aldilà egizio, il Libro delle due Strade lo descrive in un modo più complesso ed elaborato: alcuni studiosi lo considerano per questo motivo “il primo libro illustrato” della Storia.

LIBRETTO DI ISTRUZIONI. La guida appena scoperta decorava il sarcofago di una donna di alto rango di nome Ankh, alla quale però ci si riferisce, nel testo, con pronomi maschili. Un particolare importante, per comprendere l’origine di questo testo: secondo la religione egizia, Osiride dominava l’Aldilà… da morto, e l’intero culto in suo onore ruotava attorno alla possibilità di riportarlo in vita attraverso i riti sacri. Le “istruzioni” contenute nel Libro delle due Strade potrebbero aver avuto origine dalle cerimonie religiose in cui i sacerdoti tentavano di far rivivere Osiride attraverso la preghiera. Solo successivamente, queste stesse formule sarebbero state usate per i comuni defunti, mantenendo però il pronome maschile usato per la divinità.

Nell’impianto generale della guida rimaneva comunque spazio per la personalizzazione. Per esempio il viaggio di Ankh sarebbe stato funestato, stando ai simboli, da un anello di fuoco, da demoni e spiriti, contro i quali ci si poteva difendere solo a colpi di incantesimi. Il frammento di libro scoperto sembra contenere istruzioni specifiche per formulare questi sortilegi.

Focus.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 126 volte!