Terremoto a Napoli, il prof. Cosenza: “Ci saranno altre scosse, ma non c’è da allarmarsi”

l terremoto che questa notte ha svegliato i cittadini di Pozzuoli, in provincia di Napoli, ha scatenato ancora una volta le più grandi paure di chi abita i Campi Flegrei e le zone limitrofe. La scossa di magnitudo 2.8 registrata all’1.20 ha fatto ripiombare nel panico i puteolani. Il fenomeno del bradisismo e la presenza del vulcano Solfatara, fanno dei Campi Flegrei, una delle zone più pericolose dal punto di vista di eventi di questo genere, ma è bene fare chiarezza su quanto accaduto.
Ne abbiamo parlato con il prof. Edoardo Cosenza, Presidente dell’Ordine degli Ingegneri di Napoli, docente presso l’università Federico II nonché assessore alla Protezione Civile della Regione Campania dal 2010 al 2015.

Professore, l’evento di questa notte deve preoccupare?

Non c’è da allarmarsi oltre il dovuto e voglio subito sottolineare questo aspetto. La scossa è di bassa intensità ma è stata avvertita in maniera molto forte perché avvenuta in superficie. Basti pensare che in zone più lontane di Napoli non è stata affatto avvertita. La potenza è stata bassa.

Ritiene che possano esserci altre scosse?

Certamente si. E’ possibile che ci siano nuove scosse ma tutte rientrano nel fenomeno del bradisismo che ormai, nuovamente dal 2012, è nella sua fase ascendente.

Parliamo di danni alle infrastrutture

Escludo categoricamente che una scossa di così lieve entità possa aver in qualche modo causato danni strutturali. Laddove ci fossero si tratta di strutture con problemi strutturali preesistenti. La scossa di questa notte, diciamo, potrebbe aver danneggiato strutture già danneggiate. Ad ogni modo non mi aspetto che ci sia da fare la conta dei danneggiamenti.

Molti testimoni hanno riferito di aver sentito un boato prima della scossa

Certo. Il boato che si avverte poco prima di un terremoto deriva dallo stato di crisi della faglia che in quel momento sta spostandosi. E’ un fenomeno del tutto normale. La paura, come ovvio che sia, è legittima. Fortunatamente però si tratta di solo spavento.

Quali pensa che saranno oggi le mosse della Protezione civile ed eventualmente di comune e regione?

Non credo ci siano grandi disposizioni oggi. Come dicevo è davvero improbabile che il terremoto di questa notte possa aver fatto danni. Ripeto, non c’è da preoccuparsi anche se la paura per chi vive i Campi Flegrei è assolutamente giustificata.

VesuvioLive.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 111 volte!