Il Senato approva la legittima difesa: sarà sempre riconosciuta a chi si difende da un ladro

L’Aula del Senato ha approvato la nuova legge sulla Legittima difesa. Il provvedimento passa ora all’esame della Camera. Il testo è passato con 195 favorevoli, 52 contrari e un astenuto. La riforma della legittima difesa in salsa leghista è ormai in dirittura d’arrivo e numerose sono le nuove norme e misure in materia che Palazzo Madama si è trovato a vagliare e a discutere. Il testo unificato della riforma, dopo essere stato discusso in commissione Giustizia, è passato al vaglio del Senato, ma contiene alcune misure che potrebbero destare non pochi malumori tra le forze di opposizione, nel passaggio alla Camera. In particolare, molto aspro potrebbe essere il confronto sul punto focale del testo di legge, ovvero quello relativo alla modifica dell’articolo 52 del codice penale introducendo la parola “sempre”. Che cosa significa? In sostanza, dovesse andare il porto la riforma, la legittima difesa, di fatto, sarebbe sempre presunta, ovvero si riconoscerebbe sempre – nei casi dettati dalla legge – la proporzione tra offesa e difesa.
La modifica del testo dell’articolo 1 approvato in Senato questo pomeriggio prevede che “se taluno legittimamente presente nell’abitazione altrui, o in un altro luogo di privata dimora, o nelle appartenenze di essi”, “usa un’arma legittimamente detenuta o altro mezzo idoneo al fine di difendere la propria o la altrui incolumità, i beni propri o altrui, quando non vi è desistenza e vi è pericolo di aggressione”, si riconoscerebbe sempre la sussistenza della scriminante di legittima difesa. Il disegno di legge, però, allarga anche le situazioni in cui viene esclusa la punibilità ed esplicita che affinchè scatti la legittima difesa non è necessario che il ladro abbia un’arma in mano, bensì è sufficiente la sola minaccia di utilizzare un’arma.
Per quanto riguarda l’articolo 1, il Senato ha votato oggi per l’approvazione del testo: i voti contrari sono stati 52, favorevoli M5S, Lega, Fi e Fdi. Per quanto riguarda l’articolo 2 della riforma sulla legittima difesa, l’approvazione ha visto 245 voti favorevoli, 4 contrari e 3 astenuti. Assieme alla maggioranza M5S e Lega ha votato a favore anche il Pd, contrari solo i senatori di LeU. L’articolo stabilisce che è esclusa la punibilità di chi ha agito per la salvaguardia della propria o altrui incolumità  “in condizioni di grave turbamento, derivante dalla situazione di pericolo in atto”. Sono stati presentati circa 80 emendamenti. Al termine del voto sui singoli articoli, dopo le dichiarazioni di voto, è previsto il voto sul provvedimento.

Fanpage.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 885 volte!