Violenta mareggiata in Costa d’Amalfi. Danni ad Atrani, Maiori, Minori e Positano / Video

Violenta mareggiata in atto lungo la Costa d’Amalfi dove da questa mattina le onde si stanno infrangendo con impeto sulle scogliere causando in alcuni casi anche qualche danno. Come a Positano dove la furia del mare documentata in immagini e video postati di buon mattino sui social network è arrivata ben oltre la spiaggia. E cioè fino alla stradina pedonale che costeggia i caratteristici ristoranti.

Qui, stando a quanto emerge dai video, sono state trascinate pietre, detriti e pezzi di legname persino fin sotto alla scala che dà sulla spiaggia grande. Decine di persona da stamattina sono all’opera per spostare le barche dall’arenile e metterle in sicurezza onde evitare che il mare possa risucchiarle.

foto Giuseppe Di Martino

Un’enorme quantità di detriti e mista a materiale legnoso è stata trasportata dal mare fin davanti ai locali della spiaggia mentre è corsa contro il tempo per portare in salvo le barche prevalentemente in legno che popolano l’arenile anche d’inverno. Alcune di queste sono state trascinate dalla corrente lungo la spiaggia.

L’impeto del mare che non accenna a placarsi tiene in ansia gli abitanti della zona in particolare quelli che hanno attività più prossime alle spiagge. L’allerta meteo della protezione civile valevole fino a questo pomeriggio a meno di ulteriori proroghe.

Il mare agitato di questa notte ha creato problemi anche a Maiori dove la strada statale 163 in alcuni punti è invasa dalla sabbia trascinata dalle onde che hanno superato il lungomare. Qui diversi sono i danni causati dal mare in particolare all’arredo urbano, con mattoncini sollevati dalla pavimentazione e ringhiere divelte.

Anche a Minori sono evidenti gli effetti della mareggiata con danni a qualche imbarcazione. Molti natanti, prevalentemente in legno, sono stati trasferiti sul lungomare per evitare che fossero inghiottiti dal mare.  Il mare insomma, che ha scavalcato i lungomare, ha invaso finanche statale 163. In particolare nei pressi di Costa d’Angolo, a Maiori, riportando alla memoria la terribile mareggiata del lontano 1987.

Ad Amalfi la mareggiata oltre consueto spettacolo delle onde che si infrangono al di sotto delle arcate del Tondo Volpe, hanno letteralmente invaso la spiaggia grande arrivando con forza a sbattere contro le porte di ferro dei locali del Beach e della palestra. Senza per fortuna fare danni.

Anche ad Atrani il mare impetuoso ha letteralmente invaso la spiaggia arrivando fin sotto le arcate del ponte stradale. I cittadini sono riusciti a mettere in salvo le poche barche presenti sulla spiaggetta che è stata completamente inghiottita dalle onde lunghe.

L’impeto del mare ha distrutto una parte della scogliera adiacente lo scoglio a pizzo. Le onde si sono di qui riversate lungo il nuovo viale sottostante la statale che risulta essere completamente allagato. Danneggiata anche la barriera posta alle estremità della foce del Dragone.

Il forte vento, sempre ad atrani, ha sollevato la tettoia attigua a un’abitazione. Stando a quanto si apprende molte auto sono rimaste bloccate dietro largo Alagno a causa del mare in burrasca che non ha consentito ai cittadini di riuscirle a rimuovere.

Letteralmente inghiottita dal mare la scogliera che protegge la spiaggia di Atrani e che ormai non riesce a svolgere la funzione frangiflutti essendo ormai sovrastata dalle onde che continuano a infrangersi con impeto lungo le coste.

Cetara invece il parcheggio dell’area portuale è stato invaso dall’acqua. Le onde sono arrivate fin sul piazzale creando qualche difficoltà agli automobilisti che cercavano di portar via le proprie autovetture.

AmalfiNotizie.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 1508 volte!