Napoli senza trasporti, de Magistris tuona: «Agiremo con rigore contro un atto criminale»

«La città è persona offesa e noi non solo agiremo, ma ho chiesto al Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica che ci sia il rigore necessario per affrontare un tema che non è sindacale, ma criminale». Così il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha commentato lo sciopero dei dipendenti Samir (azienda addetta alle pulizie di Anm, ndr) che ieri mattina ha provocato la paralisi del trasporto pubblico in città.
«È un fatto gravissimo, un’azione criminale a mio avviso preordinata, non si mettono detriti sul punto di scambio dei binari, non si produce un danno così devastante ai napoletani. Non ci sono né posti di lavoro, né stipendi a rischio – ha chiarito l’ex pm – quindi bisogna che tutti quanti – forze investigative, comune, prefettura, e forze politiche  – analizzino bene quello che è accaduto. Siamo in una fase delicata per la città, di campagna elettorale, e di rilancio di Anm nella quale avviene una rottura definitiva di alcuni grumi di interesse. Non ci dimentichiamo che quello è un appalto in proroga e c’è una gara».
«Noi siamo persone offese, stiamo con i cittadini che hanno subito il danno. Il danno l’ho subito anche io. Sono il sindaco di Napoli – ha concluso il primo cittadino – e soprattutto in questo caso un cittadino, e mi metto nei panni di tutte quelle persone che dovevamo andare a lavoro quella mattina»

IlMattino.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 1305 volte!