Napoli, primo colpo alle babygang: fermati due ragazzini del branco della metropolitana

La polizia di Stato di Napoli ha individuato e denunciato due minori che la sera di domenica scorsa, nei pressi della stazione Policlinico della metropolitana, senza motivo, hanno insultato, aggredito preso a pugni e rotto il naso a un loro coetaneo, Ciro, che insieme ad altri compagni stava tornando a casa dopo una partita di calcetto.
Il 16enne vittima dell’aggressione, scattata intorno alle 21.30, riferì alle forze dell’ordine di essere stato avvicinato al Largo Cangiani da un gruppo di ragazzi che non conosceva, di età compresa tra i 16 e i 18 anni, vicini a tre ciclomotori. Nonostante la vittima ed i suoi amici non avessero accettato le provocazioni, proseguendo per la loro strada, all’altezza della fermata della metropolitana Policlinico il 16enne veniva afferrato alle spalle da un giovane dalla carnagione mulatta e capelli rasta neri e lunghi, il quale, spalleggiato da un secondo giovane, sferrava al malcapitato un violento pugno al volto, provocandogli un trauma cranico facciale con frattura delle ossa del naso, con una prognosi di 30 giorni.
Intimoriti dalla brutale aggressione la vittima ed i suoi amici fuggivano, raggiungendo la stazione della metropolitana Policlinico, dove richiedevano l’aiuto del personale di vigilanza.
Le indagini lampo condotte degli agenti del commissariato Arenella hanno consentito di ricostruire l’esatta dinamica dell’evento criminoso e di identificare i due aggressori, entrambi residenti a Marano di Napoli: R.G.S.O. e M.C., rispettivamente classe 2001 e classe 2002.
I due giovanissimi sono stati incastrati grazie al sistema di rilevamento targhe che ha permesso l’identificazione dei titolari di due dei ciclomotori presenti sul luogo dell’accaduto, di proprietà dei genitori dei minorenni.

IlMattino.it

 

Commenti

Questo articolo è stato letto 1287 volte!