Accusavano dolori alla pancia: tre migranti ricoverati a Eboli con la tubercolosi

​Tre casi di tubercolosi, tre ragazzi africani di venti anni lamentavano dolori addominali da alcuni giorni.
I giovani di colore vivono in un centro per migranti, in attesa dei documenti e dell’asilo politico. Assistiti dal mediatore culturale, i tre giovani sono giunti all’ospedale di Battipaglia. Al pronto soccorso, hanno ricevuto le prime cure. I dolori non erano legati a un’intossicazione alimentare. Dal laboratorio analisi, è arrivata la risposta: si trattava di tubercolosi.
I sanitari di Battipaglia hanno contattato gli infettivologi di Eboli. Tra venerdì sera e sabato mattina, i tre pazienti sono stati trasferiti. I sanitari ebolitani hanno escluso un’infezione virale: «Si tratta di tubercolosi intestinale, non è polmonare. Tosse o starnuti non sono pericolosi per chi ha vissuto a contatto con i tre ragazzi». I pazienti non sono fuori pericolo: «Ma con la cura che stanno seguendo, pensiamo che si riprenderanno a breve».
Il caso verrà segnalato all’ufficio prevenzione collettiva dell’Asl per capire se la malattia nasce da disservizi strutturali o da alimenti scaduti. Le cause che hanno scatenato i tre casi di tubercolosi non sono quindi state ancora accertate. La cura sta già producendo già i primi effetti benefici.

IlMattino.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 1623 volte!