«Vittime scelte dai killer su Facebook» è social la faida del Rione Sanità

Sfogliano le pagine di facebook e lo fanno per cercare i nemici da uccidere. Lo fanno con attenzione, modulando la propria strategia assassina in relazione a quanto emerge dalla fonti aperte, dal social più usato al mondo, andando alla ricerca di nomi e volti, di soprannomi, schieramenti e appartenenze. È uno dei passaggi delle motivazioni della sentenza di condanna per i killer di Pietro Esposito, il boss della Sanità ucciso a novembre del 2015, al termine di una escalation criminale tra quelli della Sanità e i gruppi di Miano. In oltre centoventi pagine, il giudice per le udienze preliminari Anna Laura Alfano passa in rassegna una delle pagine più buie della storia criminale recente. Quella legata alla scarcerazione di Carlo Lo Russo (dopo circa venti anni di detenzione, gli ultimi dei quali in regine di semilibertà, che ha consentito al boss di tessere la propria trama di violenza criminale), alla guerra con gli Esposito-Genidoni.

Chiaro il ragionamento dei giudici, a leggere le motivazioni depositate in questi giorni: ergastolo per Luigi Cutarelli, giovane e fedelissimo killer di Carlo Lo Russo, autore dell’agguato e del colpo di grazia che a novembre del 2015 provocò la morte di Pietro Esposito; 16 anni al mandante, vale a dire a Carlo Lo Russo, per il quale scattano i benefici della collaborazione con la giustizia; 12 anni per Antonella De Musis (anch’essa sotto protezione dopo aver collaborato con la giustizia); 18 anni per Rosario De Stefano, che avrebbe svolto un ruolo «decisivo ma pur sempre sussidiario» nella individuazione degli obiettivi da abbattere.

Una sentenza che conferma il lavoro svolto dal pm Enrica Parascandolo, magistrato in forza al pool anticamorra del procuratore aggiunto Filippo Beatrice, titolare delle indagini anche sul delitto Cesarano, 17enne ucciso per errore alla Sanità nello stesso scenario criminale. Ma torniamo ai motivi depositati in questi giorni dal gup Alfano, che entra nelle abitudini e nelle pieghe di un clan capace di resistere ad almeno due decenni di storia camorristica.

È il punto che spinge il gip a ricordare che il cartello dei cosiddetti capitoni di Miano sono organizzati attorno ai «figli di» e al «futuro del clan»: alla prima categoria sono iscritti Vincenzo Lo Russo (classe 1988) figlio di Carlo e Vincenzo Lo Russo figlio di Giuseppe (boss detenuto dalla fine degli anni Novanta); ma anche Ciro Perfetto, figlio di Raffaele, altro personaggio indicato al servizio della camorra di Miano; dall’altra parte, sul versante «del futuro del clan» spicca la posizione di Luigi Cutarelli, uno che a venti anni è indicato come responsabile di almeno quattro omicidi, tra cui quello del 17enne Gennaro Cesarano. Proprio sulla posizione di Cutarelli, viene dedicato l’affresco finale.

Commenti

Questo articolo è stato letto 1404 volte!

 
avatar

Vincenzo Letizia

Giornalista sportivo, nasce a Napoli il 16/02/1972. Tante le esperienze professionali: collaboratore dei quotidiani “IL TEMPO”, “NAPOLI NORD”, “LA VERITA'”, “DOSSIER MAGAZINE”, “CRONACHE DI NAPOLI”, dei mensili “L’OASI” e “IL VOMERESE”. Corrispondente da Napoli del quotidiano “IL GOLFO”, redattore del periodico “CORRIERE DEL PALLONE”, direttore editoriale del settimanale di scommesse sportive 'PianetAzzurro FreeBet'. Responsabile dei servizi sportivi del “CORRIERE DI CASERTA”. Tra i collaboratori del ‘laboratorio di giornalismo e di comunicazione’ diretto da Michele Plastino. Inviato della trasmissione radiofonica “ZONA MISTA” in onda su CRC targato Italia. Più volte ospite alle trasmissioni televisive “Campania Sport” e “PANE E PALLONE” in onda su Canale 21, “ULTRAZOOM” in onda su TCS, “TRIBUNA Sport” in onda su Televomero, “Sotto Rete” in onda su TLA. Ideatore ed opinionista della trasmissione WEB/RADIO 'MONDO CALCIO' andata in onda sulla Tele5 Napoli tutti i lunedì alle 18,00 e i venerdì alle 21,30. Ha curato ogni sabato pomeriggio, intorno alle ore 16,30, la rubrica radiofonica su 'RADIO PUNTO ZERO' (FM 102.00) 'LA BOLLETTA' all'interno del seguitissimo programma 'Zero Magazine' in onda dalle 16:00 alle 19:00 (su www.rpz.it in Live Streaming). Ideatore e conduttore del programma TV 'CALCIOMERCATO & SCOMMESSE MONDIALI' andato in onda su Area Blu TV durante il Mondiale sudafricano. Opinionista fisso del programma TV 'AREA AZZURRI' in onda tutti i martedì alle ore 21 sul digitale terrestre 'AREA BLU TV'. Ospite fisso della trasmissione "SORRISI E PALLONI" in onda su Radio Punto Nuovo e su Capri Event TV. Opinionista della trasmissione televisiva "NAPOLI CALCIO LIFE" in onda su Capri Event TV e TeleCapri Sport. Autore e produttore della trasmissione televisiva "PIANETAZZURRO TV" in onda su RTN. ATTUALMENTE: presidente dell'associazione giornalistica AGiCaV; direttore editoriale del periodico cartaceo “PIANETAZZURRO” ; direttore generale dell'omonimo portale sportivo www.pianetazzurro.it , del sito di cronaca e intrattenimento www.campaniaveritas.it e della guida gastronomica www.golosando.eu