Sul Matese avvistato un Capovaccaio: un piccolo avvoltoio ritenuto estinto

Un eccezionale avvistamento di un «Capovaccaio», uccello che si riteneva estinto in Campania. Avvistamento avvenuto il primo luglio scorso ed èstato effettuato dal naturalista Giovanni Mastrobuoni, originario di Morcone, Marco Teodonio, esploratore e Giuseppe Fappiano, presidente del Fronte Sannita per la Difesa della Montagna. L’avvistamento è avvenuto intorno alle 8 . L’esatta identificazione della specie è stata anche validata da noti ornitologi campani i quali, verificate le prove fotografiche e video, hanno certificato che si tratta di un esemplare giovane di Capovaccaio (Neophron percnopterus) probabilmente in cerca di un territorio dove potersi stabilire. Il Capovaccaio è il più piccolo degli avvoltoi italiani ed è una delle specie ornitiche più in pericolo sia a livello nazionale che europeo. Nell’area della montagna di Morcone e in tutto il circondario ricadente anche nei territori di Pontelandolfo, San Lupo, Cerreto Sannita e Pietraroja, questo avvoltoio può trovare condizioni ambientali particolarmente idonee, ormai rare nel resto della provincia di Benevento e dell’intero territorio regionale.
I monti del Matese costituiscono una delle ultime aree di riproduzione della specie in Campania, con dati che arrivano fino agli anni ’50 del secolo scorso. Nella Lista rossa dei vertebrati terrestri e duciacquicoli della Campania (documento di riferimento per la conservazione delle specie di vertebrati in Campania) il Capovaccaio è specie ascritta alla categoria Re – Estinta nella Regione; prendendo in considerazione come limite temporale il 1950, è l’unica specie ornitica che risulta estinta con certezza come nidificante sul territorio regionale. Si è presumibilmente estinta dopo il 1973, anno a cui si riferiscono osservazioni effettuate nei pressi di Eboli. Attualmente è estinta come nidificante sulla maggior parte del territorio nazionale. L’osservazione effettuata a Morcone riveste quindi un’eccezionale rilevanza conservazionistica per la specie sia a livello locale che nazionale. L’immaturo osservato potrebbe essere un esemplare in dispersione proveniente da uno degli ultimi siti di nidificazione della specie attualmente presenti in Italia meridionale. La presenza del Capovaccaio sulla montagna di Morcone è un’ ulteriore dimostrazione della sua elevatissima qualità ambientale (con ovvie positive ricadute sulla qualità della vita della popolazione residente) e del suo ruolo cruciale nella conservazione di molte specie in pericolo nell’intero territorio regionale.
In barba a tutto ciò, questa stessa area è stata condannata ad ospitare un impianto di produzione dell’energia eolica e a breve la condanna sarà consumata, avendo ricevuto improvvidi pareri positivi dai vari Enti pubblici di riferimento. A questo impianto eolico si aggiungeranno, in stretta continuità, altri 3 impianti da dislocare sullo stesso territorio di Morcone e su quelli di Pontelandolfo e San Lupo, andando ad attuare una profonda ed irreversibile devastazione di tutta l’area che andrà ad impattare negativamente su habitat e specie di pregio, con ovvie ripercussioni anche sulla qualità della vita delle popolazioni residenti. Per questo motivo sarà inoltrata alla Commissione della Comunità Europea, al Ministero dell’Ambiente ed alla Regione Campania la documentazione tecnica e fotografica della presenza del Capovaccaio e di numerose specie animali e vegetali a rischio e meritevoli di attente misure di conservazione, peraltro obbligatorie come prescritto dalla normativa comunitaria e nazionale. La denuncia è di Giuseppe Fappiano, presidente del Fronte Sannita per la difesa della montagna.

Fonte: Corriere.it

Commenti

Questo articolo è stato letto 1462 volte!