La Campania ai fornelli con il nuovo ricettario di Slow Food Editore

La cucina italiana del Mezzogiorno racconta piatti che hanno scritto la storia gastronomica del nostro Paese e si sono diffusi in tutto il mondo. Patria della dieta mediterranea, ormai universalmente nota per la sua diretta implicazione sulla nostra buona salute, il Sud Italia detiene i segreti di piatti straordinari: abbondanza di verdure semplicemente cotte al forno o grigliate, o invece protagoniste di sontuosi piatti quali la parmigiana o la caponata, il meraviglioso olio di oliva che dona condimento e salubrità a ogni piatto, la tradizione delle erbe spontanee e la loro profonda conoscenza, il pesce, di cui la vicinanza con il mare garantisce un’abilità nel prepararlo innata e originale, le carni, spesso anche i tagli meno nobili, i legumi e i formaggi a pasta filata – non possiamo prescindere dalla mozzarella – ma non solo. Questa cucina racconta un legame profondo tra gli ingredienti e il territorio, la grande capacità di creare piatti straordinari partendo da prodotti semplici, con poco, alla portata di tutti. Si pensi alla pizza e ai cibi di strada, ma anche alla varietà di paste ripassate, ai dolci e ai segreti per dare sempre più sapore al più umile dei prodotti. Gusto, risparmio, sostenibilità e salute, tutti assieme in ognuna di queste ricette, come al solito firmate da grandi osti, cuochi e cuoche delle regioni coinvolte.
Patria di svariate eccellenze gastronomiche italiane oggi conosciute e apprezzate in tutto il mondo, la Campania e la sua cucina hanno una tradizione che è forse tra le più antiche d’Italia. Il ricettario non poteva quindi escludere i piatti simbolo di questa regione come le zeppole di rossetti, la cianfotta di patate e carciofi o le sfogliatelle Santa Rosa.

Commenti

Questo articolo è stato letto 294 volte!